foglie sulla neve
Consumo consapevole, Decrescita

Tra freddo, neve e caldo buono

Un autunno caldo e soleggiato si è repentinamente trasformato in un anticipo d’inverno gelido, con un freddo spietato, che non ci ha dato il tempo di adattarci, quasi di capire. Il giorno prima ricoveravo titubante i pelargoni ancora in fiore, in maglietta, il giorno dopo stava già nevicando e il freddo diventava il compagno quotidiano. “Qui non si sente altro che il caldo buono. Sto con le quattro capriole di fumo del focolare” scrive Ungaretti in una delle poesie che amo, non a caso sul Natale e il desiderio di solitudine, due cose che per me sono strettamente legate.
Non il freddo che fa gelare le estremità e arrossare i nasi, non il freddo umido della città. E’ questo un freddo amico, che si ritira con l’accensione del fuoco ma ci sorveglia sornione da fuori per rientrare non appena qualcuno si dimenticherà di riattizzare un fuoco o ci sarà la pausa della notte, con le braci che affievoliscono poco a poco. Le mattine, qui a casa Erbaviola, adesso iniziano sempre con il freddo e negli ultimi giorni di vento molto forte e poi neve e ghiaccio, è diventato un freddo che non passa mai veramente, che fa sforzare al massimo la cucina a legna, quasi fosse una vecchia locomotiva a vapore. La stufa di sopra è rimasta muta per un paio di giorni perché un vento a un centinaio di chilometri orari ha messo fuori uso la canna fumaria. Così tra cucina a legna al piano di sotto e una stufetta Continue Reading

Libro L'autoproduzione è la vera rivoluzione
Decrescita, Libri

L’autoproduzione è la vera rivoluzione. (Il libro)

Del com’è nato e del come verrà pubblicato con la partecipazione dei lettori il libro L’autoproduzione è la vera rivoluzione. Storie di decrescita, d’utopia e d’altre leggerezze.

Era una notte buia e tempestosa, scriveva Snoopy sui tastini della sua macchina meccanica, seduto in cima al tetto rosso della sua cuccia. Snoopy scrittore cominciava sempre così. Mi ha sempre fatta sorridere, a volte mi immagino Stephen King che scrive “Era una notte buia e tempestosa“. Non so perché Stephen King, forse perché è uno dei pochi scrittori per cui una notte buia e tempestosa avrebbe senso. Quando non so bene cosa scrivere, che sia un articolo sull’autoproduzione Continue Reading

due sdraio davanti al lago e spiaggetta isolata
Decrescita, Escursioni & Trekking, Ridendoci sopra

La ricerca della semplicità è ostacolata dalle sdraio

Sì lo so, ultimamente sto diventando pedante con la questione della semplicità ma è un periodo così. In più, la mia ricerca della semplicità viene spesso ostacolata, non ultimo dalle sdraio. Essere semplici oggi è veramente una delle cose più complicate. Ho bisogno, mentalmente e fisicamente, di avere meno cose, di vivere con più leggerezza, di avere meno oggetti e attrezzature di cui occuparmi, di godermi di più la vita com’è e come viene

Mi torna in mente spesso un gioco che facevo con delle mie amichette, avremo avuto tra i sei e gli otto anni. Inventavamo un negozio, lo allestivamo e giocavamo a negozio. “Giocare al negozio” era uno dei nostri giochi preferiti. Per esempio a me piaceva l’edicola, anzi da piccola ero convinta che fosse il lavoro più bello del mondo perché l’edicolante poteva leggere tutte le riviste e i libri tra un cliente e l’altro – finché non ho scoperto la biblioteca e allora il lavoro più bello del mondo è diventato la bibliotecaria. Poi hanno inventato il Commodore 64 e addio, volevo Continue Reading

una zanzariera autoprodotta
Autoproduzione, Decrescita

La semplicità e l’autoproduzione di zanzariere

Ho chiesto un preventivo per delle zanzariere per le undici finestre di casa e ho realizzato che con la stessa cifra potevamo fare un viaggio di un mese in India. Circa un paio di mesi delle mie entrate per delle zanzariere… onestamente non ho proprio intenzione di lavorare due mesi della mia vita per bloccare l’accesso alle mosche. Dovevano esserci per forza altre soluzioni.
La cosa però mi ha fatto molto riflettere su quanto investiamo sulle nostre case. Anni fa, in un’altra casa più grande ma di proprietà, spesi una cifra astronomica per far cambiare la retina consumata a tutte le zanzariere. Lo feci sospirando ma come una di quelle cose che vanno fatte, come la revisione dell’auto e imbiancare le pareti ogni tanto.
Passati molti anni, davanti al preventivo ho avuto una reazione del tutto diversa. Ma davvero?! Cioè, parliamo sul serio?! Capisco le finestre quadrupli vetri, isolate ecc. perché non deve entrare la neve, il freddo, il vento … ma questa cifra per non far entrare le mosche?!
No, non ci sto, stiamo davvero esagerando. Stiamo rendendo eccessivamente articolati e lavorati degli oggetti che sono già funzionali quando sono semplicissimi. In più questa è una casa in affitto, per quanto amata non ho intenzione di investire in strutture che non posso reimpiegare in un’altra casa. Ma quello che mi ha spinta più di tutto a trovare una soluzione all’autoproduzione non è la non trasferibilità di una struttura fissa – infatti ho cambiato le piastrelle di bagno e cucina senza pensarci troppo –  ma il costo davvero spropositato per un Continue Reading

raccolto orto luglio agosto pomodorini tarassaco e more
Orto, Orto sul balcone

Cominciare un orto in luglio e agosto

Leviamoci dalla testa che l’orto si comincia solo in primavera. L’orto si può cominciare tutto l’anno, anche in luglio e agosto, anche se il nonno dice che non è vero e il vicino vi deride per l’idea. Ma chi fa davvero l’orto, chi lo cura e lo cresce con amore, sa che la natura non si ferma mai e il tempo è sempre propizio per seminare, trapiantare e raccogliere. C’è sempre qualcosa da fare. Sia un piccolo orto in terra, sia un orto sul balcone, se non avete avuto il tempo in primavera e ce l’avete ora, bene: è il momento giusto per cimentarsi!

Io quest’anno ho ricominciato a giugno. Per la terza volta. Vivo in uno dei pochi contesti in cui l’orto non dura dodici mesi. A causa degli inverni rigidi di montagna, da dicembre a febbraio c’è poco da fare, non cresce nulla. In quei mesi, mi dedico con più vigore alla coltivazione dei germogli. A tal proposito, vi segnalo che il 16 settembre terrò un veloce corso di germogliazione domestica al Macrolibrarsi Fest, trovate tutti i dettagli nella pagina degli eventi. Oppure, se vi interessa cominciare subito, la stagione è adatta e trovate qui la mia guida alla germogliazione casalinga. Sono io che mi ci dedico di più nel periodo invernale, anche se ora sto facendo qualcosa perché sono in dirittura di arrivo con questo nuovo libro sui germogli. Continue Reading

smoothie di melone e menta citrata con il libro Frutta da scoprire di Claudia Renzi
Erbe spontanee, Libri, Ricette

Smoothie di melone e menta citrata

Come tutte le estati, rispolvero gli smoothie come colazione e spuntino e ultimamente il mio preferito è lo smoothie di melone e menta citrata, ispirato al bel libro di Claudia Renzi, la deliziosa e simpatica penna di Grano Salis. Il suo nuovo libro è Frutta da scoprire, per Tecniche Nuove. Il libro è uscito a giugno in allegato alla rivista Cucina Naturale, ma da luglio 2017 si trova anche in libreria e in qualche bottega bio.

Avrei voluto fare una recensione subito perché mi è piaciuto molto e vorrei dire che ho tardato solo perché mi è stato sottratto impunemente da un’amica che si è poi dimenticata ripetutamente di ridarmelo – il che sarebbe anche vero! – però in realtà è solo la conseguenza di un periodo molto intenso extra-lavoro normale, l’associazione, i nuovi corsi… tutte cose che vi ho già raccontato. Così ora, finalmente felicemente seduta in cima a questo colle, in pace, riprendo alcune delle attività che mi piacciono di più: Continue Reading