due sdraio davanti al lago e spiaggetta isolata
Decrescita, Escursioni & Trekking, Ridendoci sopra

La ricerca della semplicità è ostacolata dalle sdraio

Sì lo so, ultimamente sto diventando pedante con la questione della semplicità ma è un periodo così. In più, la mia ricerca della semplicità viene spesso ostacolata, non ultimo dalle sdraio. Essere semplici oggi è veramente una delle cose più complicate. Ho bisogno, mentalmente e fisicamente, di avere meno cose, di vivere con più leggerezza, di avere meno oggetti e attrezzature di cui occuparmi, di godermi di più la vita com’è e come viene

Mi torna in mente spesso un gioco che facevo con delle mie amichette, avremo avuto tra i sei e gli otto anni. Inventavamo un negozio, lo allestivamo e giocavamo a negozio. “Giocare al negozio” era uno dei nostri giochi preferiti. Per esempio a me piaceva l’edicola, anzi da piccola ero convinta che fosse il lavoro più bello del mondo perché l’edicolante poteva leggere tutte le riviste e i libri tra un cliente e l’altro – finché non ho scoperto la biblioteca e allora il lavoro più bello del mondo è diventato la bibliotecaria. Poi hanno inventato il Commodore 64 e addio, volevo Continue Reading

una zanzariera autoprodotta
Autoproduzione, Decrescita

La semplicità e l’autoproduzione di zanzariere

Ho chiesto un preventivo per delle zanzariere per le undici finestre di casa e ho realizzato che con la stessa cifra potevamo fare un viaggio di un mese in India. Circa un paio di mesi delle mie entrate per delle zanzariere… onestamente non ho proprio intenzione di lavorare due mesi della mia vita per bloccare l’accesso alle mosche. Dovevano esserci per forza altre soluzioni.
La cosa però mi ha fatto molto riflettere su quanto investiamo sulle nostre case. Anni fa, in un’altra casa più grande ma di proprietà, spesi una cifra astronomica per far cambiare la retina consumata a tutte le zanzariere. Lo feci sospirando ma come una di quelle cose che vanno fatte, come la revisione dell’auto e imbiancare le pareti ogni tanto.
Passati molti anni, davanti al preventivo ho avuto una reazione del tutto diversa. Ma davvero?! Cioè, parliamo sul serio?! Capisco le finestre quadrupli vetri, isolate ecc. perché non deve entrare la neve, il freddo, il vento … ma questa cifra per non far entrare le mosche?!
No, non ci sto, stiamo davvero esagerando. Stiamo rendendo eccessivamente articolati e lavorati degli oggetti che sono già funzionali quando sono semplicissimi. In più questa è una casa in affitto, per quanto amata non ho intenzione di investire in strutture che non posso reimpiegare in un’altra casa. Ma quello che mi ha spinta più di tutto a trovare una soluzione all’autoproduzione non è la non trasferibilità di una struttura fissa – infatti ho cambiato le piastrelle di bagno e cucina senza pensarci troppo –  ma il costo davvero spropositato per un Continue Reading

raccolto orto luglio agosto pomodorini tarassaco e more
Orto, Orto sul balcone

Cominciare un orto in luglio e agosto

Leviamoci dalla testa che l’orto si comincia solo in primavera. L’orto si può cominciare tutto l’anno, anche in luglio e agosto, anche se il nonno dice che non è vero e il vicino vi deride per l’idea. Ma chi fa davvero l’orto, chi lo cura e lo cresce con amore, sa che la natura non si ferma mai e il tempo è sempre propizio per seminare, trapiantare e raccogliere. C’è sempre qualcosa da fare. Sia un piccolo orto in terra, sia un orto sul balcone, se non avete avuto il tempo in primavera e ce l’avete ora, bene: è il momento giusto per cimentarsi!

Io quest’anno ho ricominciato a giugno. Per la terza volta. Vivo in uno dei pochi contesti in cui l’orto non dura dodici mesi. A causa degli inverni rigidi di montagna, da dicembre a febbraio c’è poco da fare, non cresce nulla. In quei mesi, mi dedico con più vigore alla coltivazione dei germogli. A tal proposito, vi segnalo che il 16 settembre terrò un veloce corso di germogliazione domestica al Macrolibrarsi Fest, trovate tutti i dettagli nella pagina degli eventi. Oppure, se vi interessa cominciare subito, la stagione è adatta e trovate qui la mia guida alla germogliazione casalinga. Sono io che mi ci dedico di più nel periodo invernale, anche se ora sto facendo qualcosa perché sono in dirittura di arrivo con questo nuovo libro sui germogli. Continue Reading

smoothie di melone e menta citrata con il libro Frutta da scoprire di Claudia Renzi
Erbe spontanee, Libri, Ricette

Smoothie di melone e menta citrata

Come tutte le estati, rispolvero gli smoothie come colazione e spuntino e ultimamente il mio preferito è lo smoothie di melone e menta citrata, ispirato al bel libro di Claudia Renzi, la deliziosa e simpatica penna di Grano Salis. Il suo nuovo libro è Frutta da scoprire, per Tecniche Nuove. Il libro è uscito a giugno in allegato alla rivista Cucina Naturale, ma da luglio 2017 si trova anche in libreria e in qualche bottega bio.

Avrei voluto fare una recensione subito perché mi è piaciuto molto e vorrei dire che ho tardato solo perché mi è stato sottratto impunemente da un’amica che si è poi dimenticata ripetutamente di ridarmelo – il che sarebbe anche vero! – però in realtà è solo la conseguenza di un periodo molto intenso extra-lavoro normale, l’associazione, i nuovi corsi… tutte cose che vi ho già raccontato. Così ora, finalmente felicemente seduta in cima a questo colle, in pace, riprendo alcune delle attività che mi piacciono di più: Continue Reading

nascita di arbor felix, homepage del sito
Conferenze & corsi, Sviluppo personale

La nascita di Arbor Felix e i primi corsi

Dopo molti anni di corsi tenuti per altre associazioni, progetti portati avanti insieme e da sola, si è realizzato un nuovo progetto e quello che era un sogno da molto: la nascita di Arbor Felix, ovvero la nascita dell’Associazione Culturale Arbor Felix. Il perché del nome ve lo lascio scoprire sul sito dell’associazione. 

Come molti sanno, per anni ho investito personalmente nella divulgazione, sono stati ben pochi e rari gli organizzatori che hanno pagato almeno le spese di viaggio per presentazioni, corsi e fiere. Erbaviola, questo sito, è cominciato ben 18 anni fa come lavoro di divulgazione online, poi passato a corsi in gran parte gratuiti in cui io, di tasca mia, ci mettevo viaggi, materiali, tempo e ferie. Quando credo in qualcosa, la prendo sul serio: credo nella possibilità di cambiamento e del miglioramento di questo pianeta. Per anni, ci ho investito molto e invece di passare le mie estati su una sdraio in riva al mare, le ho passate a correre qui e là portando competenze e energie per il cambiamento.  Continue Reading

margheriteapi
Decrescita, Sviluppo personale

Lavorare da casa e la forma mentale diversa

Lavorare da casa è questione di forma mentale in due modi: richiede una forma mentale diversa per farlo e ha bisogno che la forma mentale della società nei confronti del lavorare da casa si evolva.
Una delle affermazioni che mi sento rivolgere più di frequente quando dico di aver ottimizzato la mia attività per lavorare da casa e riuscire così a vivere a basso impatto è: “Beata te!“. Oppure passano subito a chiedermi “Quali lavori si possono fare da casa?“. Ecco, questo credo che sia indicativo sia di un desiderio diffuso di sottrarsi ai ritmi del pendolarismo, ma anche di un atteggiamento mentale dipendente da vecchi retaggi ideologici di molte generazioni fa. Io credo che oggi ci siano molte possibilità di lavorare da casa, ma che farlo resti appannaggio di pochi perché in Italia manca la cultura giusta per farlo, mancano le possibilità e spesso l’impegno per cambiare la propria forma mentale nei confronti del lavoro.

Giorni fa parlavo per caso di questo argomento con alcuni colleghi e collaboratori che hanno fatto la mia stessa scelta di lavorare da casa e tutti eravamo concordi su un punto: è difficile farsi prendere sul serio, soprattutto da chi lavora magari da trent’anni con un’impostazione vecchio stile. Per vecchio stile intendo chi concepisce ancora solo il lavoro da dipendente con un’ora minimo di traffico, obbligo di soggiorno in un ufficio dove negli anni ci si sente incarcerati, un’altra ora minimo per Continue Reading