Giorno per giorno, Vita da veg

Nevicchia e freddicchia

foto_smart_snow_machine.jpg

Un po’ nevica, un po’ no. Fa un freddo che ho pensato che i ghiacciai del polo nord siano venuti a svernare qui a casa mia.
Sarebbe la giornata ideale per una sessione full immersion di piumone e break con cioccolata calda e magari un ripasso dei vecchi fumetti di Calvin & Hobbes che quando fanno i pupazzi di neve mi fanno troppo ridere.

Invece sono qui con i caloriferi a palla, ho aggiunto la stufa a biocarburante a un metro da me e niente, ho sempre la stramaledetta mano del mouse ghiacchiata. Sto pensando di imparare a pigiare i tasti con una cannuccia tenuta con la bocca, come quelli che dipingono con la bocca, così mi posso tenere le mani in tasca o nei guanti di pile. La cioccolata calda non si può fare perché è finito il cacao e nessuno ha voglia di andare fino in paese per un pacchettino di cacao. Più che altro nessuno ha voglia di spalare mezzo cortile più la strada e uscire con la macchina slittando in felici testacoda sulla piazza ghiacciata.

Già ho capito che la giornata si concluderà con il passaggio dello spazzaneve che qui è un trattore con attaccato l’attrezzo spazzaneve…. Ma già meglio che a Milano, quando arrivava la neve arrivava anche la notizia che gli spazzaneve li avevano prestati a qualche altra città. Non so se è ancora così. Ma ho questo chiaro ricordo che tutte le volte che nevicava non uscivano subito e il tg regione e radio popolare dicevano che gli spazzaneve erano in prestito a qualche sconosciuto paese del casertano.
Ma quello che conta oggi è che io so già che il trattore spazzaneve arriverà con tutto il mucchio della neve sul nostro cancello e sblat! Un bel mucchio sul cancello. Così rimarremo bloccati fino a primavera, come gli orsi, oppure dovremo invocare Buddha e tutti i suoi discendenti e scavalcare il cancello e spalarla dall’esterno per riaprilo. Io lo so già che lo farà perché quello spazzaneve-trattore ho già capito che ha qualcosa di personale con me. Lui pensa che io sia qui a bermi della cioccolata calda, e lui fuori a spazzare la neve. Invece io sono qui con una mano ghiacciata, un piede assiderato e la schiena a 200°C perché la fisica alla stufa fa una pippa: qui il caldo non va in alto, va in orizzontale tutto sulla decima vertebra e lì si ferma. Sono qui senza cacao per fare la cioccolata, che già la devo fare con il latte di soja, il cacao equo e solidale e il fruttosio invece dello zucchero. Io mi preoccupo delle povere mucche, del povero ecosistema e dei poveri sudamericani delle piantagioni di cacao e nessuno si preoccupa della mia cioccolata.

Insomma, tutte le notizie sono queste: lavoricchio, nevicchia, freddicchia e non ho più cacao ‘rcamiseria.

Previous Post Next Post

7 Comments

  • Reply grace gennaio 25, 2007 at 1:26 pm

    sono una nota boccalona, ci ho creduto subito e sono andata a cercarlo… ma ho trovato solo il mouse che misura la temperatura dell’ambiente… 8-/ utile… una cofana di mouse usb per sapere se fa freddo in ufficio?!
    http://www.zdnet.com/article/cool-gadgets-to-beat-the-heat-wave-at-work/

  • Reply Marcello gennaio 25, 2007 at 1:07 pm

    Anche io ho il problema della mano gelata sul mouse! Anche se qui ancora la neve non si è vista. Però ho letto da qualche parte che è in vendita un mouse riscaldato. Bisognerebbe provarlo!

    M.

  • Reply Marcello gennaio 26, 2007 at 5:30 am

    Macché boccalona, è vero! Non mi credi mai! 🙂

    Leggi qui:

    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=5198

    M.

  • Reply felis gennaio 28, 2007 at 3:19 pm

    Marcello, anche tu qui! 🙂

    E’ inutile, il mondo italo-vegan è piccolo piccolo… :-/

  • Reply grace gennaio 28, 2007 at 4:48 pm

    diciamo “in costante crescita”, dai!

  • Reply felis gennaio 29, 2007 at 12:56 pm

    Bello comunque in restyling di ItaliaCivile, bravo Marcello. 🙂

    felis

  • Reply Marcello gennaio 30, 2007 at 2:54 am

    Grazie.

    🙂

    M.

  • Leave a Reply

    Condividi
    Pin
    Tweet