Haiku del trasloco sotto la pioggia

'amore' in giapponese

Forte da nubi.
Il furgone scoperto.
Balle girano.

p.s. sì lo so, sono giuste solo le sillabe e gli accenti, non c’è riferimento alla stagione in chiusura ecc. Ma non trovate già grandioso che in tale frangente prevalga il mio senso dell’umorismo?
Previous Post Next Post

8 Comments

  • Reply laFrancese October 31, 2008 at 8:14 pm

    :)
    troppo carino!

    tutta la mia solidarietà!

  • Reply Nina October 31, 2008 at 9:33 pm

    haiku umoristico, nuovo genere! grande erbetta!!! ;)
    un abbraccio per il trasloco, ti penso! anche io ne ho fatto uno ‘annacquato’!

  • Reply sati November 2, 2008 at 12:50 pm

    Buon antidoto per prenderla con distacco, per staccare, per rendersi conto che ogni trasloco alla fine va a posto. Come un puzzle.
    Sto pensando sempre più alla filiera corta degli haiku. Qualcuno ha idee per svilupparla?

  • Reply yari November 5, 2008 at 1:04 pm

    ahahahah ;-) Però hai messo l’ideogramma giapponese dell’ammmmore ;-)

  • Reply emi November 5, 2008 at 8:20 pm

    ciao, saper ridere in ogni circostanza è indice di grande saggezza ;)

  • Reply vila November 6, 2008 at 11:22 pm

    ciao!
    volevo invitarti a questa raccolta di ricette:

    natalevegan2008.blogspot.com

    spero di risentirti presto, magari con una delle tue bellissime ricette!!!

    saluti affettuosi,
    vila

    ps. passaparola!!

  • Reply davide November 11, 2008 at 12:44 pm

    Direi che una licenza poetica te la puoi permettere.
    Davvero brava a scrivere un haiku in condizioni di trasloco!
    A presto,
    Davide

  • Reply Alessandro April 22, 2010 at 1:36 pm

    Con un anno e mezzo di ritardo una precisazione: è un senryu, non un haiku. Si differenzia sia per il contenuto (è mooolto più flessibile di un haiku e può non citare la stagione) che per lo scopo (essere umoristico o cinico).

    Gran sito, complimenti! L’ho appena scoperto e vado a cercarmi subito il tuo libro sul micro orto da balcone. Da quando ho letto “La vita ridotta all’osso” di Leo Hickman mi è venuta una gran voglia di fare l’autarchico…

    Ti auguro una splendida giornata
    Alessandro

  • Leave a Reply