Orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti.

Autore: Grazia Cacciola
Titolo: L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti.
Caratteristiche:
224 pag – 15×21 bn. Stampato su carta con certificazione FSC. La certificazione FSC assicura che il legno e la carta utilizzati provengano da foreste gestite secondo criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.
ISBN 9788882338176

Anno prima edizione 2009 – Seconda edizione 2012
Editore FAG, Milano. Collana Natural Lifestyle

L'orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti

Presentazione (testo in quarta di copertina)
Chi abita in una grande città sa bene quanto sia difficile procurarsi frutta e verdura di qualità. Lo stile di vita cittadino e la grande distribuzione ci hanno ormai abituati a mangiare fragole a novembre, pomodori tutto l’anno e una quantità di prodotti esotici; con il risultato che frutta e verdura hanno sapori blandi e prezzi alti. Quante volte abbiamo pensato come sarebbe bello potersi coltivare da sé frutta e verdura, almeno quelle che preferiamo, per riscoprire sapori che abbiamo conosciuto nell’infanzia, o quando siamo andati in vacanza in quel posto dove tutto era così buono, così saporito…? In realtà è possibile anche se non si ha un orto o un giardino: basta un balcone! Questo libro spiega, in modo chiaro ed esauriente, come coltivare eccellente frutta e verdura sul vostro balcone, con tutti i trucchi e le tecniche per ottenere, con poca spesa e con poca fatica, ottimi risultati.

Il libro più venduto per l'orto sul balcone


Un prodotto editoriale etico
Nel panorama editoriale attuale, è molto difficile realizzare un prodotto etico al 100% perché le logiche di mercato intervengono spesso pesantemente sulle scelte editoriali, soprattutto quando si parla di grandi case editrici nazionali. Per L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti, grazie a un direttore editoriale molto capace, è stato possibile realizzare un prodotto etico sotto diversi aspetti:

  • E’ un prodotto etico nei contenuti: il primo libro di agricivismo che tratta solo di tecniche di coltivazione naturali: biologico, biodinamico, sinergico e macrobiotico. Accanto all’aspetto manualistico del ‘come fare’ sono stati inseriti dei percorsi di pensiero e riflessione sul risparmio idrico, l’energia solare, l’alimentazione naturale, la biodiversità, il riciclaggio e il rispetto per l’equilibrio dell’ambiente.
  • E’ un prodotto etico nei materiali: il libro è inoltre stampato su carta con certificazione FSC, che assicura che il legno e la carta utilizzati provengano da foreste gestite secondo criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Nella prima edizione le foto erano in bianco e nero, per evitare la stampa in quadricromia. Ma date le tantissime richieste dei lettori, la seconda edizione è stata fatta a colori ma con una stampa certificata a basso impatto ambientale

 

recensioni L'orto sul balcone

L’autrice
Grazia Cacciola, è specializzata in tecniche agronomiche ecosostenibili, è autrice di saggi e manuali sull’alimentazione consapevole e gli stili di vita etici. Si occupa da anni di diffondere l’agricoltura naturale e l’agricivismo, promuovendo l’autoproduzione dei vegetali. Ha strutturato e supervisionato progetti dell’Unione Europea per l’incentivazione delle coltivazioni con metodo biologico e biodinamico. E’ stata l’esperta di coltivazione naturale nella trasmissione Geo&Geo, Rai3. Pratica da molti anni l’alimentazione vegetaliana (vegan), sia per motivi etici che ecologici e salutistici. Collabora con il Movimento Decrescita Felice e diversi altri gruppi di transizione.

 

tavolo da orto - L'orto sul balcone

ESTRATTI

L’orto sul balcone regala sempre dei grandi piaceri. Per chi vive in città, l’orto sul balcone può diventare un’esperienza particolarmente appagante. Il veder crescere giorno dopo giorno le piante a cui si dedicano tante attenzioni e poter portare in tavola verdure e frutta fresca, sono soddisfazioni che spesso mancano in una vita fatta di ufficio, impegni e traffico.
Ma ci sono anche piaceri più sottili, quasi intimi, che riguardano il riappropriarsi di ritmi naturali, il ritornare in contatto con i cicli delle stagioni, il prendersi uno spazio e il tempo per osservare in silenzio quali miracoli può regalarci la natura persino sul davanzale di un centro cittadino.
Le vitamine e i minerali di un’insalata o un pomodoro appena raccolti sono ineguagliabili rispetto ai prodotti conservati. Raccogliere l’insalata, un cetriolo e un paio di pomodori sul nostro balcone e portarli in tavola per la cena, sono gesti preziosi. Sono preziosi moralmente, perché regalano indipendenza, e lo sono materialmente perché state portando in tavola un ottimo complesso vitaminico, senza controindicazioni.
E poi chissà, a qualcuno magari l’orto sul balcone farà l’effetto che ha fatto a me, una spinta a cercare uno stile di vita più sostenibile, a ritornare a vivere secondo i ritmi naturali invece che inseguendo il tempo che non basta mai, in ore di traffico cittadino. Magari qualcuno, come è successo a me, partirà da un orto sul balcone e si ritroverà dopo un po’, senza neanche rendersi bene conto del come, con un orto in campagna e una vita completamente diversa.”

Grazia Cacciola, L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti, FAG

Orto verticale con irrigazione a goccia - L'orto sul balcone

La differenza sostanziale di questo libro sta nel presentare solo metodi di coltivazione naturali. Non ha senso infatti coltivare un orto in proprio impiegandovi antiparassitari e prodotti chimici in genere. Tutto quello che serve per fertilizzare, concimare e evitare i parassiti su un balcone, si può produrre sul balcone stesso o ottenere con metodi naturali. Ne vale la pena per noi stessi e per il nostro ambiente. Il metodo di coltivazione meno naturale illustrato in questo libro è la coltivazione biologica, che implica l’uso di un piccolo quantitativo di sostanze chimiche per fertilizzare e arginare qualche parassita. Tutti gli altri metodi vi permettono invece di addentare le vostre fragole appena colte o di assaggiare direttamente i pomodorini caldi di sole. Non è un piacere da poco, vale la pena di permetterselo.

Grazia Cacciola, L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti, FAG

Parassiti cure naturali orto sul balcone

Coltivare un orto sul balcone sta diventando quasi una moda ma forse anche una semplice reazione alla voglia di fare e di avere del cibo naturale e non trattato. Forse anche un modo per mangiare del cibo che non sia mediato da intermediari, distributori, grossisti, trasportatori, magazzini, commercianti e denaro. Quanti passaggi attraversa la lattuga che compriamo al supermercato o dal fruttivendolo?
L’orto sul balcone regala la possibilità di interrompere qualche volta o sempre (dipende dalle dimensioni!) questa catena e permetterci di mangiare qualcosa che abbiamo seminato, curato, fatto crescere.

Grazia Cacciola, L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti, FAG

La stevia coltivata sul balcone

Dove trovare il libro:

Librerie:
Tutte le librerie in Italia, Repubblica di San Marino e Canton Ticino (Svizzera)

Online: Il libro è disponibile in tutte le librerie, anche in formato epub e Kindle

 

L'orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti
NUOVA EDIZIONE RIVEDUTA E AMPLIATA!
Guarda QUI alcune pagine
Edizioni Fag Milano

Voto medio su 12 recensioni: Da non perdere

Disponibile anche come ebook, versione epub e Kindle

In tutte le librerie, offline e online.
Su Amazon
Su Macrolibrarsi

 

 

Il ‘piccolino’, anche nel prezzo, ma con tutto quello che bisogna sapere per il primo orto sul balcone:

Il Tuo Orto sul Balcone Easy - Libro
Edizioni Fag Milano
Disponibile anche come ebook, versione epub e KindleIn tutte le librerie, offline e online.
Su Amazon
Su Macrolibrarsi

22 Comments

  • Reply Orticoltura Sperimentale» Blog Archive » Investimenti November 1, 2009 at 5:30 pm

    […] sono decisa ad andare a cercarlo in Feltrinelli e finalmente l’ho trovato: il libro di Erbaviola è già stato divorato nel giro di un paio di giorni e si è rivelato, esattamente come pensavo, […]

  • Reply Orticoltura Sperimentale» Blog Archive » Remember, remember, the 30th of november November 30, 2009 at 12:54 pm

    […] controllato sul libro di Erbaviola, e in effetti anche qui il rimedio consigliato contro questo generi di parassiti è il […]

  • Reply Elena March 4, 2010 at 9:38 pm

    Ciao, ti segnalo che sei anche su http://www.macrolibrarsi.it

    Non vedo l’ora di leggere il tuo libro,
    Elena

  • Reply Gianluca Luigi Grignani March 4, 2010 at 11:33 pm

    Ciao Grazia!
    Intanto ti ringrazio pubblicamente per avermi ricordato nel tuo libro, anche se, purtroppo, non sono ancora riuscito a trovarlo (forse non mi sono impegnato abbastanza a cercarlo o forse hanno appoggiato troppi libri di vespa sui testi interessanti), ma volevo comunque rivolgerti i miei apprezzamenti e quelli di tante persone che amano i terrazzi, i balconi e tutto ciò che è verde.
    Seguo sempre con interesse il tuo blog e prometto che ti invierò nuove foto e materiale utile per eventuali approfondimenti ed evoluzioni sui progetti che rappresentano queste macchioline verdi nel grigio cemento della città.
    Quest’anno il freddo ha sterminato parecchie piante del mio terrazzino (ad esempio tutte le piante grasse, tra cui i mio amato fico d’india) ma non demordo la primavera è alle porte e i miei sperimenti di verde in città continuano. Quindi ti anticipo che quest’anno i miei progetti saranno indirizzati a ricordo dei miei ultimi viaggi e i semi che mi sono portato in tasca. La conoscenza delle spezie è sempre approssimativa in alcune ricette e quindi w la sperimentazione: ANETO BULGARO, BASILICO GRECO (5 tipi diversi alcune con le foglioline piccolissime) ed inoltre LAVANDA SELVATICA che ho preso ad ibiza la scorsa settimana ed ANICETTO SELVATICO sempre di Ibiza (diverso dall’aneto e ottimo per i liquori).
    Invece gli alberelli di olivo (2) sono salvi come anche il limone e il mandarino cinese (appoggiarli alle pareti della casa è sempre utile!!).
    Un abbraccio e buona semina a tutti!!
    Gianluca Grignani

  • Reply Valentina March 23, 2010 at 4:17 pm

    Ciao! Questo libro è diventato la piccola bibbia del balcone… L’anno scorso non è andata bene… per niente. Però oltre a non avere la consapevolezza piena di cosa stavo cercando di fare… non avevo idea di COSA fare.
    Sono riuscita a farlo arrivare persino nel paesino dove abito… ho dovuto aspettare quasi un mese, ma finalmente due settimane fa è arrivato… dopo averlo desiderato e bramato così tanto, l’ho letteralmente divorato. Ora pian piano me lo sto studiando e lo consulto ad ogni minimo dubbio! Finalmente qualcosa di chiaro e ben fatto.
    Tantissimi complimenti e grazie! Grazie grazie!

  • Reply Erbaviola March 23, 2010 at 7:01 pm

    Santo cielo, scusatemi tutti!! ho visto solo ora i commenti in questa pagina, non so perché non me li ha segnalati come sempre!

    @Elena: grazie della segnalazione! Effettivamente lo sapevo da un po’ dietro segnalazione di macrolibrarsi ma non ho avuto tempo di mettere mano all’elenco, ora lo faccio!

    @Gianluca: grazie a te per tutta la collaborazione… lo so, purtroppo lo nascondono sotto i libri di Vespa 😀 Vedrò di farmi crescere dei porri su tutta la faccia così magari trovano uno spazietto anche per me! Ci resto male però se non hai ancora letto i ringraziamenti, ti mando io la copia, te la sei proprio meritata!!!

    @Valentina: sono contenta che ti serva!!! Mi farai vedere anche qualche foto dei risultati? 🙂 Io ci tengo molto, ormai colleziono foto di balconi riusciti, alcuni mi hanno decisamente superata e questo mi rende oltremodo felice!!! Se qualcosa non è chiaro contattami tranquillamente, anzi, le critiche sono persino benvenute 😉

  • Reply Eleonora April 5, 2010 at 11:11 am

    Ciao Erbaviola!!Grazie per il libro, e’ diventata la mia bibbia da quando un mesetto fa me lo hanno regalato :)))
    Sto lavorando al mio orto sul balcone a Roma (e’ piccolissimo 1 m x 1m !!)da qualche mese ma il libro mi sta aiutando tantissimo!!! Poi oggi leggendo la copertina ti ho anche trovato si internet!! Ho piantato zucchine in vasetti e pomodori nei portauovo e messo tutto sui pensili in cucina e sul davanzale….sul balcone per ora ci stanno:
    – un limone
    – Aromatiche: Salvia, rosmarino, menta, erba cipollina
    – un prugno comprato un mese fa al supermercato che ha fiorito
    – i piselli che ho piantato a gennaio e hanno fiorito
    – l’erba gatta (del micio)
    ti mandero’ qualche foto del mio micro orto al piu presto (non appena spuntano le zucchine ehe he)
    Ciao e grazie mille!!

  • Reply chiaragallo77 May 10, 2010 at 2:23 pm

    Una informazione: non si puo’comprare on line?
    Grazie

  • Reply Stefania June 18, 2010 at 5:04 pm

    Ciao!

    Volevo ringraziarti pe raver pubblicato il tuo bel libro.

    Grazie alle sue pagine oggi ho gustato i miei primi pregiati pomodori da balcone e sono una vera delizia!!!

  • Reply daniela June 29, 2010 at 3:54 pm

    Ciao erbaviola, volevo porti una domanda riguardante i pomodori coltivati in vaso. Siccome mi sembra si tratta di una pianta piuttosto esigente e la terra a sua disposizione e’ poca, necessita di una concimazione durante la maturazione dei frutti? Se si’, cosa si puo’ usare?
    Ti ringrazio tanto!!
    Daniela

  • Reply serena July 9, 2010 at 1:35 pm

    io fino alla scorsa estate tenevo i pomodorini in vaso (un pò grosso), non me ne dava da grandi insalate quotidiane, ma giusto per la soddisfazione personale di mangiarne un paio al giorno alle mie due figlie!!! io non ho concimato nulle. ho trapiantato e poi mantenuto ad acqua. però ti parlo di pomodorini, non so se per il pomodoro le cose cambiano. ciao!!!!

  • Reply Fabio June 5, 2011 at 10:40 pm

    Ciao erbaviola, ho letto il libro ed e’ molto interessante per chi come me si trova ale prime armi.E’ da poco che mi sono cimentato con un orto in terrazza, ma purtroppo ho scoperto che i pommodori, si stanno riempiendo sui palchi fogliari piu’ alti e sul tronco di piccoli moscerini neri che si stanno propagando anche alle zucchine. non voglio utilizzare insetticidi chimici nanche abase di piretro che mi dicono biologico ed ho provato con un macerato di ortica con risultati piuttosto blandi. Il terriccio nel vaso e di quelli universali “arricchito” con concime organico,(guano), cenere e fondi di caffe’.
    Mi e’ stato consigliato di rimuovere alcuni centimetri di terra del vaso perché è lo strato che contiene le uova, e rimpiazzara con terra pulita. Poi spargere sul terreno un insetticida domestico tipo la polvere per le formiche, oppure annaffiare con un cucchiaio di candeggina (meglio varecchina) ogni due litri d’acqua, vorrei sinceramnte evitarlo anche perche’ i pomodori vorrei mangiarli…….
    Avreste qualche consiglio da darmi? Grazie in anticipo ed a presto.

  • Reply gimmi July 8, 2011 at 5:32 pm

    sto leggendo in questi giorni il libro e devo dire che è stato organizzato e scritto veramente bene, sopratutto in maniera equilibrata non troppo tecnica ma neanche estremamente banale banale come tanti altri libri che trattano il medesimo argomento.

    Complimenti!!!

  • Reply VEGAN DAYS LIVORNO & LA (mia) SETTIMANA VEGETARIANA MONDIALE » October 8, 2011 at 8:24 pm

    […] Orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti. […]

  • Reply Dani March 23, 2012 at 6:15 pm

    Ciao Grazia,

    dopo aver letto il testo di Pallante sulla decrescita felice, successivamente Decrescita e Barbarie di Paolo Cacciari, ora sto leggendo il tuo libro e credo che sarà il punto di partenza per altre letture.

    Sono da un anno vegana e sto facendo un percorso evolutivo, psicologico, sociale, culturale, lavorativo, insomma globale.

    Ho già fatto molti cambiamenti, ma mi dico che devo farne man mano, altrimenti il rischio di sentirsi sovraffatti è grande.

    Ora avrei tanta voglia di farmi l’orto sul terrazzino di casa. Una domanda, però, mi assilla.

    Io vivo ad Amburgo, nord della Germania ed il clima non è dei migliori, anche se la zona qui vicina è piena di coltivazioni di alberi da frutta e di fragole, oltre che di colza. La mia domanda è: riuscirò con il clima locale a metter su un piccolo orticello sul terrazzino?

  • Reply Dario July 5, 2012 at 8:36 am

    È possibile acquistare una versione digitale di questo libro? Un ebook o un PDF? Grazie mille e complimenti per tutto

  • Reply Luca July 24, 2012 at 5:59 pm

    Buonasera,

    fatto l’ordine del suddetto libro (libreriauniversitaria.it) e ricevendo risposta negativa in merito alla disponibilita’ motivata dal fatto che il libro e’ in ristampa, chiedo cortesemente alla sig.ra Grazia se sia il caso di attendere appunto la nuova ristampa (se si a quando l’uscita del libro e se include aggiornamenti). Grazie.

  • Reply PICCOLA GUIDA ALLA GERMOGLIAZIONE CASALINGA – Parte I » February 26, 2013 at 1:10 pm

    […] ai germogli che ho messo insieme arriva dal cap. 10 “Coltivare i germogli” del mio libro. Visto che questo pezzo era già scritto, lo utilizzo Qui però è già disponibile da tempo il […]

  • Reply Il Giovedì del Libro di Cucina: Raw Garden | Passato tra le mani October 31, 2013 at 10:18 am

    […] Torno sul tema raw food e sul tema orto. Perché, come dicevo la scorsa volta, ricette con vegetali che un po’ si discostano dalla triade sedano-carota-cipolla, o dal pentagono bietola-zucchina-pomodoro-peperone-melanzana, rischiano di essere etichettate come velleitarie. Se non si sono mai messe le mani nella Terra, neanche per un mini-balcone. […]

  • Reply Piccola guida alla germogliazione casalinga | Germogli Sani December 7, 2014 at 7:49 pm

    […] guida ai germogli che ho messo insieme arriva dal cap. 10 “Coltivare i germogli” del mio libro. Visto che questo pezzo era già scritto, lo utilizzo. Su questo sito è già disponibile da tempo […]

  • Reply Preparazione dell'orto- Capitolo1 | Lezioni di Volo January 4, 2015 at 10:56 am

    […] ora vi segnalo uno dei miei blog preferiti, ERBAVIOLA e vi lascio in attesa del prossimo post dedicato all’orto sul […]

  • Leave a Reply