MACROBIOTICO

ortomacrobiotico.jpg

Nelle mie ricerche delle diverse tipologie di coltivazione basata su tecniche naturali e il più possibile ecosostenibili, mi sono imbattuta in una pubblicazione ormai fuori catalogo, del 1976, “L’orto macrobiotico” a cura di Fausta Mainardi Fazio per i tipi di De Vecchi. Le tecniche colturali sono essenzialmente quelle dell’odierna agricoltura biologica, salvo ovviamente i pochi fitofarmaci e ammendanti per agricoltura biologica che non vengono invece impiegati nell’orto macrobiotico. La questione più interessante, quella che mi ha più incuriosita, è l’approccio filosofico alla coltivazione e all’uso dei prodotti dell’orto.

Macrobiotica è un termine di derivazione greca che vuol dire ‘scienza della lunga vita‘ ed è stata diffusa in occidente dagli anni 60-70 in poi, in seguito alla diffusione degli scritti del giapponese Georges Ohsawa.
La pratica macrobiotica non è semplicemente una dieta una filosofia o una religione, ma una visione ampia del mondo, imperniata sul rispetto e la conoscenza della vita. E’, a tutti gli effetti, una via verso la pace, la salute e la giustizia. La visione olistica del mondo abbracciata dalla macrobiotica è quella orientale dello yin e dello yang ossia le due forze opposte e complentari che governano ogni aspetto della vita e della natura. Si arriva a comprendere quindi come lo yin, che rappresenta la forza o l’energia e che produce espansione, annoveri i frutti che crescono più rapidamente di altri e sono quindi da considerare più yin di altri. D’altro canto lo yang, che rappresenta la forza o l’energia che produce coesione, annovera i cibi forti, che maturano lentamente, hanno cicli molto lunghi come i cereali, mentre legumi e i frutti acidificanti come i pomodori sono Yin.

L’agricoltura biologica riguarda invece solo l’aspetto materiale della coltivazione e implica in alcuni casi, come dicevo, l’uso di ammendanti e fitofarmaci appositi per agricoltura biologica. Cosa che, a parer mio, nell’orto familiare può essere tranquillamente evitata. Vedo che diversi siti di macrobiotica consigliano l’uso esclusivo di prodotti da agricoltura biologica: in realtà dovrebbero provenire da agricoltura macrobiotica, cosa però impossibile perchè le produzioni su vasta scala di vegetali macrobiotici al momento non esistono… un’altra ottima ragione per coltivare un orto proprio 😀

Certamente un orto che esclude completamente l’uso di fertilizzanti chimici e fitofarmaci, anche quelli per agricoltura biologica, non ha un’alta produzione come un orto forzato con la chimica ma ha sicuramente una qualità indiscutibile. L’orto macrobiotico può essere quindi una realtà per chi desidera ortaggi naturali al 100% , ha un discreto spazio e la pazienza per ispezionare giornalmente le colture alla ricerca di parassiti e malattie su cui intervenire immediatamente con metodi naturali (macerati di erbe, oli essenziali autoprodotti). La tempestività di intervento, quando si parla di orticoltura macrobiotica, è fondamentale.

Per quanto riguarda la fertilizzazione, sono concessi letami da allevamenti biodinamici, pollina, compost, terricciati di scarti domestici. Non sono ammessi scarti di macelleria, polveri d’ossa e qualsiasi preparazione chimica.
Dal mio punto di vista, eviterei anche pollina e letami ma qui andiamo già sull’orticoltura vegan 😉 Sono utilizzabili anche i sali minerali allo stato greggio che non implichino lavorazioni o processi chimici. Tra questi: apatiti, fosforiti, leuciti, sali potassici, sabbia, argilla, marne, calcare, gesso.

Nella scelta delle piante è inoltre necessario orientarsi su cultivar più antiche perché più rustiche e quindi più resistenti alle carenze alimentari e ai parassiti. Le nuove cultivar invece, iperselezionate, iperproduttive e di conseguenza iperesigenti non sono adatte a questo tipo di coltivazione e non sono nemmeno in linea con la filosofia di giusta quantità e di pace che accompagna la macrobiotica. Purtroppo le varietà antiche sono ormai di difficile reperimento, il mio consiglio è di rivolgersi ai gruppi di scambio semi (meglio quelli non a pagamento), comprando le sementi antiche dai piccoli produttori che le hanno. Nel giro di non molto si avrà così una serie di indirizzi a cui rivolgersi per le sementi e, passo successivo, si comincerà ad autoprodurre le proprie, scambiarle e diffonderle.

 

L'orto naturale for Dummies, HoepliDopo anni di lavori, esperimenti, fallimenti e successi su questo sito, sono nati alcuni libri sulla coltivazione naturale dell’orto, sia in terra che sul balcone.
Il più aggiornato e completo di questi libri, utile sia per chi coltiva in terra che sul balcone, è L’orto naturale, Hoepli, 2017   

Su Amazon potete vedere un’anteprima e un estratto delle prime pagine del libro in formato Kindle. 
Su Macrolibrarsi potete leggere indice, un estratto e alcuni dei miei articoli sull’orto naturale. 

7 Comments

  • Reply marmotta luglio 5, 2008 at 8:57 am

    erba, ma anche tu vai a la FAI LA COSA GIUSTA?.
    marmotta

  • Reply marco gennaio 24, 2009 at 3:39 pm

    Erba, con tutto il rispetto per la cultura vegan, di cui non so praticamente nulla, pena la mia ignoranza, ti chiedo, ma per quale motivo non prenderesti in considerazione pollina e letami, come fertilizzanti? Posso supporre per il fatto che questi materiali di scarto provengano da animali tenuti in cattivita’ per interessi umani, ma forse non e’ solo questo il motivo…fammi sapere. un abbraccio.

  • Reply leo giugno 19, 2009 at 8:12 am

    Il fatto di mangiare vegetali per loro caratteristiche salutari, e quindi avitare di ingolfarsi di cibi morti, dovrebbe esser d’obbligo per tutti se non si vuole avere ripercussioni di malattie croniche in futuro (cercare “cura Gerson”).
    Mangiare vegetariano per un fatto filosofico e/o religioso mi sembra una cosa innaturale e spesso deviata. Praticamente quasi tutti i medicinali che troviamo in commercio sono stati testati da animali prima quindi…..chi li usasse sarebbe già incoerente con la filosofia “vegetariana”.
    Comunque la dieta 90% vegetariana è necesseria se vogliamo campà tanto e bene.
    Saluti.

  • Reply Silvia ottobre 26, 2009 at 12:50 am

    Interessante.
    Io coltivo l’orto biologicamente.
    che dicono x allontanare e lumache?
    Io sono anche animalista e mi spiace ucciderle,ma è impossibile camminare.

    • Reply Erbaviola aprile 15, 2016 at 10:25 am

      mantenere un equilibrio e rimuovere manualmente se non c’è equilibrio. Le sposti altrove, sostanzialmente. Dopo 3-4 volte che lo fai a distanza ravvicinata, diminuiscono molto. Per mantenere un equilibrio bisogna introdurre i predatori delle lumache 🙂

    Leave a Reply

    Condividi
    Pin
    Tweet