Animali, Giorno per giorno

SIMONE IN CARCERE A CADIZ PERCHE’ PROTESTAVA CONTRO L’UCCISIONE DEI SUOI TRE CANI

**** non metto nessuna foto perché le immagini sono strazianti. Si trovano al link segnalato sotto ****

La segnalazione arriva da Dogwelcome – dogwelcome@dogwelcome.it e l’appello viene diffuso da AgireOra

E’ urgentissimo mandare una email di protesta (vedi testo sotto) con un appello per la terribile vicenda di Cadiz, di cui potete leggere i dettagli qui:

Siamo ora in contatto con la compagna di Simone, recluso a Cadiz, e abbiamo appena deciso di creare il “Comitato per la liberazione di Simone”.

Nel messaggio-tipo da inviare, qui sotto, trovate spiegata in sintesi tutta la vicenda.
Questo testo e’ gia’ stato inviato da Dogwelcome all’ambasciatore e ai consoli, ma e’ stata ricevuta una risposta ben poco soddisfacente – chi
di voi aveva partecipato alla protesta l’avra’ ricevuta a sua volta – 2 frasi di circostanza e nessun impegno preciso.

Allora, continuiamo a scrivere e facciamo vedere che siamo in tanti!

Scriviamo a:
(blocco copia e incolla)

segreamb.ambmadrid@esteri.it; giorgio.marrapodi@esteri.it;
filippo.larosa@esteri.it; giuliana.delpapa@esteri.it;
emanuele.rozosordini@esteri.it; info.madrid@esteri.it;
comites2001@yahoo.com; segreteria.barcellona@esteri.it;
viceconsuladodeitalia@gonzalezbyass.es

oppure, con la virgola come separatore:

segreamb.ambmadrid@esteri.it, giorgio.marrapodi@esteri.it,
filippo.larosa@esteri.it, giuliana.delpapa@esteri.it,
emanuele.rozosordini@esteri.it, info.madrid@esteri.it,
comites2001@yahoo.com, segreteria.barcellona@esteri.it,
viceconsuladodeitalia@gonzalezbyass.es

Messaggio-tipo:

——————–
Egregio Ambasciatore Pasquale Terracciano,
Egregio Console Generale Sergio Barbanti,
Egregio Vice Console Onorario a Jerez de la Frontera, Terry Merello

Ci mettiamo in contatto con Voi per denunciarVi la situazione in cui si trova un ragazzo italiano arrestato a Cadiz alcuni giorni fa. Il ragazzo, trovandosi per lavoro nella citta’ assieme alla sua compagna, lascio’ i suoi tre cani nel canile municipale di Puerto Real (Cadiz), che funge anche da residenza canina. Dopo alcuni giorni quando i due italiani andarono a ritirare i loro cani gli venne detto che mentre due non si trovavano, uno era morto e che lo conservavano nel congelatore per restituirglielo.

Dall’autopsia realizzata al cane i coniugi hanno saputo che gli era stata iniettata una sostanza che paralizza tutti i muscoli del corpo, e quindi anche i polmoni, lasciando morire i cani per soffocamento in una agonia lenta e dolorosa per piu’ di 3 ore.
La coppia italiana ha quindi denunciato il canile alle autorita’, che hanno potuto accertare che quello e’ il metodo con cui vengono uccisi cani e gatti in quel canile, come in molti altri del comune di Cadiz. Questa sostanza che paralizza gli animali per farli morire lentamente asfissiati e’ molto meno costosa delle sostanze che secondo la legge dovrebbero essere utilizzate dai veterinari per uccidere gli animali (in Andalusia, terra baciata dal sole e dal mare, i cani e i gatti non
vengono sterilizzati ma uccisi indiscriminatamente!).

Probabilmente i cani della coppia sono stati confusi con gli altri cani che “normalmente” vengono sacrificati nelle stesse condizioni. Il gestore del canile, intervistato da una televisione locale, ha negato di aver preso in consegna i 3 cani e di non conoscere la coppia di italiani. Queste notizie sono state riprese dai giornali e dalle
televisioni, insieme ad alcuni video e foto terrificanti, consegnati da ex collaboratori del canile alla polizia, in cui i cani e gatti stavano morendo tra gemiti e sofferenze indicibili in una lenta agonia.

L’associazione spagnola “El Refugio” ha organizzato una manifestazione a Cadice con il fine di chiedere spiegazioni sulle condizioni dei canili municipali della provincia, sovvenzionati tra l’altro con i fondi pubblici. A questa manifestazione hanno partecipato moltissime persone, circa 2000, tra cui Simone R., che e’ stato arrestato assieme ad una ragazza spagnola per offese e lesioni alle autorita’ locali.
Mentre Isabel S. dopo 72 ore nella Comisaria de Policia e’ stata liberata dopo aver pagato 3.000euro di cauzione, Simone R. e’ agli arresti per minacce e lesioni alle autorita’ e potrebbe restare in carcere per 6 mesi fino al processo, in cui rischia una condanna di 4-6 anni.

Nei video della manifestazione di fronte al Comune di Cadice si vede perfettamente che il signor Simone non ha commesso nessuna “lesione o danno” alle autorita’. Il canile di Puerto Real, al contrario, e’ attualmente sotto inchiesta da parte delle autorita’ del Seprona, in seguito ai video diffusi.

Ci rivolgiamo a Voi affinche’ sia chiarita la situazione del nostro compatriota, per evitare che un semplice viaggio di lavoro si trasformi in una ingiustizia tanto sconcertante quanto assurda, anche considerando che uno dei due denuncianti (in conseguenza alla morte dei loro 3 cani) si e’ trasformato, forse non per caso, in denunciato.

Certi di un Vostro interessamento alla vicenda, confidando nella Vostra sensibilita’, Vi porgiamo i pia’ cordiali saluti.

[nome cognome, citta’, nazione]

Previous Post Next Post

10 Comments

  • Reply Carmen ottobre 21, 2007 at 10:01 pm

    Fatto e passato parola!!!

  • Reply BEE ottobre 22, 2007 at 12:58 pm

    Allucinante!
    Firmato e diffuso.

  • Reply gattarandagia ottobre 23, 2007 at 6:56 am

    fatto pur’ io.

  • Reply Antaress ottobre 23, 2007 at 12:30 pm

    Fatto…
    Ti segnalo anche questo: [aggiornamento 18.07.2017: purtroppo il sito non esiste più], se puoi fai girare la voce…grazie 😉

  • Reply Erbaviola ottobre 24, 2007 at 11:51 am

    grazie a tutti!!! 🙂

    vi chiedo ancora un piccolo sforzo di email perché sembra che la Farnesina non stia nemmeno prendendo in considerazione la faccenda visto che Simone non viene da una famiglia famosa, non lavora per una multinazionale e soprattutto si è battuto per i suoi cani, creature indifese lasciate morire agonizzanti. Gli animalisti non vanno di moda, tutti i telegiornali e giornalisti interpellati si sono rifiutati di occuparsi della vicenda, alcuni dicendo chiaramente che “non interessa a nessuno”.

    @Antaress: ho fatto girare tra le mailing di adozioni 🙂

  • Reply yari ottobre 24, 2007 at 2:45 pm

    Fatto anch’io, ora la faccio girare.

  • Reply emanuela ottobre 26, 2007 at 11:07 am

    ho appena mandato la mail :è incredibile quello che hnno fatto ai cani del ragazzo di ferrara e che lo tengano ancora in carcere,la spagna che paese moderno………

  • Reply fausto Carciani ottobre 31, 2007 at 8:43 pm

    avete provato a rivolgervi a secondoprotocollo.org? Loro sono molto bravi in questo e seguono già diversi casi. Potrebbe anche essere che prendano in considerazione il caso. Oltretutto si stanno muovemdo molto anche con la farnesina proprio per il problema dei diritti dei detenuti italiani all’estero. Ne parlano un sacco di giornali. Se si muovono loro come associazione fanno un macello. Provateci. Il sito è http://www.secondoprotocollo.org

  • Reply erbaviola novembre 1, 2007 at 9:31 pm

    @Emanuela: grazie!

    @Fausto: ti ringrazio dell’informazione, l’ho girata a chi sta tenendo i contatti con Cadiz!

  • Reply mariaelisamattalia marzo 23, 2009 at 9:09 am

    Credo sarebbe opportuno pubblicizzare meglio i fatti attraverso un quotidiano che mi risulta, ama gli animali ed i soprusi,ovvero LIBERO , che oltre tutto pare sia molto seguito…

    Penso che la Spagna sia già nota per fatti del genere…. esempio le corride…uno spettacolo a mio
    avviso oltre che incivile, molto stupido…che insegna il sadismo..mi è accaduto di vedere in luogo
    pubblico l’addestramento di cani da caccia all’inseguimento di coniglietti nani che poi, martoriati dai denti dei cani, dopo essere stati recuperati, venivano di nuovo subito riusati allo scopo.. fino alla
    morte..

  • Leave a Reply